Skip links

Capodanno e Reportage Spagna – Iago Corazza

Teacher

  • Iago Corazza
    Iago Corazza
    Fotografo e viaggiatore

    Iago Corazza ha realizzato reportage antropologici in oltre 160 paesi nei 7 continenti. Regista, documentarista e produttore di vari programmi televisivi ha portato a termine una spedizione senza precedenti di 64.680 km (40.190 miglia) attorno al mondo.

Spagna

Location

Spagna
La Parrilla, Serrejón (Cáceres)
Training areas

Data

28 Dic 2021 - 05 Gen 2022
Scaduto!

Capodanno e Reportage Spagna – Iago Corazza

Tour invernale Sud Ovest Spagna. Una vacanza di Natale unica in tour per l’Estremadura e Andalusia conoscendo la natura, la cultura locale e con attività di intrattenimento

Una location ecologica ricavata in un’affascinante struttura rurale offre uno spettacolare panorama della valle del fiume Tajo, di pascoli e scogliere rocciose della Sierra. Utilizzando come base una riserva che è un vero gioiello di biodiversità questo spettacolare workshop, unico nel suo genere, prevede una completa immersione nella fotografia di reportage. Raggiungendo spettacolari destinazioni come Merida, Toledo e tante altre utilizzeremo questi percorsi per fotografare animali, panorami, ritratti, eventi, architetture speciali, situazioni particolari, back stage e costruire, in perfetto stile National Geographic, una narrazione completa e perfetta per essere utilizzata, pubblicata e comunicata. I partecipanti saranno costantemente assistiti e affiancati dal docente e dagli assistenti sia nelle fasi di ripresa che in quelle di elaborazione digitale. Un workshop esclusivo, entusiasmante e produttivo, che consentirà ai partecipanti di imparare e approfondire diverse metodologie di ripresa e di post produzione ma soprattutto garantirà a tutti il risultato di spettacolari immagini già perfettamente post prodotte e archiviate. 

Questo workshop ci consentirà inoltre di passare assieme il CAPODANNO in una location veramente suggestiva ed esclusiva! 

9
giorni per visitare, studiare, osservare e conoscere il territorio
24
ore di piena assistenza da parte di tecnici e docenti

Attività principali

Numero partecipanti: 12 pax

Percorso nel Monfragüe, degustazione jamon, capanni, passeggiate in villaggi e città, visita al frantoio, Capodanno a Salamanca, saline, raccolta olive, visita botteghe.

  • Trasporti locali ed escursioni
  • Conducenti e guide esperte di natura/fotografia
  • Alloggio durante i 9 giorni
  • Sessioni fotografiche nei capanni
  • Entrata/accesso alle varie attività previste qualora sia necessario
  • Voli di A/R
  • Menu e altri pasti
  • Supplemento per stanza singola
  • Assicurazione di viaggio

Giorno 1 – (28 Dicembre) La navetta ci accoglierà a mezzogiorno all’aeroporto di Madrid, arrivando cosi a La Parrilla verso le 5 del pomeriggio, dove saremo accolti da un magnifico tramonto nel giardino della Casa rurale ascoltando il bubolare del Gufo Reale. La cena sarà composta da un menu di piatti tipici nel tradizionale e antico salone da pranzo della casa, per poi potersi rilassare nell’accogliente sala, giusto accanto alla nostra Scuola di Fotografia, aperta giorno e notte per la realizzazione della post produzione fotografica.

Giorno 2 – (29 Dicembre) La Finca La Parrilla, situata nel cuore del Parco Nazionale del Monfragüe, nasconde innumerevoli angoli naturali all’interno dei suoi oltre mille ettari. Durante la mattina, terremo un’escursione in 4×4 per conoscerne il paesaggio, il Rio Tajo e la sua serra protetta dove si trova la colonia più grande al mondo di Avvoltoio Monaco e la seconda più grande di Grifone. Questa sarà una giornata di osservazione della fauna in tutta la sua totalità, scoprendo cosi l’esperienza di fotografare e osservare la natura da vicino grazie ai nostri capanni. Inizieremo con una prima sessione nella concimaia, dove si potranno osservare gli avvoltoi e altri rapaci carnivori. Dopo il pranzo, si potrà visitare un capanno con abbeveratoio dove passeriformi invernali come il Ciuffolotto e lo Zigolo Muciatto arriveranno per cibarsi in questi tempi difficili e freddi. Per la cena, si terrà un pic nic all’interno del capanno fotografico, provando cosi una sessione notturna aspettando l’arrivo dei mammiferi più richiesti del Monfragüe: la Genetta Comune e la Faina.

Giorno 3 – (30 Dicembre) Si comincerà con una camminata nel Monfragüe, conoscendo cosi i punti paesaggistici migliori del parco. Il percorso partirà da la Portilla del Tietar, passando per il belvedere La Higuerilla, La Bascula, La Malavuelta e La Tajadilla, fino a El Pliegue, dove si potranno cercare cervi e nutrie sulle rive del fiume. Proveremo un menu degustazione del tipico jamon in Torrejon El Rubio, seguito da uno stuzzicare di altri carni tipiche dell’Estremadura, come il cinghiale e il cervo. A mezzogiorno visiteremo il Salto Del Gitano dove si potranno ammirare gli spettacolari voli dei Grifoni assieme al tramonto, con la possibilità di salire al Castello del Monfragüe e trovare cosi un punto di osservazione privilegiata di questi rapaci. All’imbrunire, visiteremo Trujillo, una città coronata da una fortezza araba costruita ai tempi dell’emirato degli Omayyadi di Cordoba. Prima di convertirsi in una fortezza andalusa, fu un accampamento romano, e a seguito della scoperta delle Americhe, le venne riconosciuta una fama universale. Dopo aver cenato a Trujillo, guideremo sotto un cielo di stelle per fare ritorno a La Parrilla, dove si potrà ammirare la Via Lattea.

Giorno 4 – (31 Dicembre) Durante la mattina visiteremo i paesaggi che circondano la Sierra de Francia,  nel Parco Naturale de Las Batuecas, territorio montuoso marcato dalla depressione del Rio Alagon che lascia al suo passaggio, meravigliose pozze e piscine naturali di acqua congelata che proviene dalla Sierra de Gredos, visitata soprattutto per osservare lo stambecco iberico e il capriolo. Passeremo per Alberca, il primo paese in Spagna dichiarato Insieme Storico-Artistico e uno dei più belli della regione, costruito su basi di granito e legno di castagno, con strade ciottolate e balconi in fiore. Un’architettura quindi popolare, con iscrizioni, segni e anagrammi religiosi, con architravi cesellati con le date di costruzione delle case, nelle quali vivono solo poco più di mille abitanti. Nel pomeriggio visiteremo Salamanca, città spagnola dell’ovest iberico, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Le origini di questa urbanizzazione, risalgono a 2700 anni fa durante la prima Età del Ferro, e da allora la città è stata testimone del passaggio di romani, visigoti e musulmani. Attualmente ha qui sede l’Università più antica di Spagna e possiede un importante patrimonio storico-architettonico, inoltre alle sue due famose cattedrali e la Plaza Mayor, dove festeggeremo il Capodanno. All’alba, torneremo a La Parrilla a dormire.

Giorno 5 – (1 Gennaio) Durante la mattina, lasceremo la Finca La Parrilla con le nostre valigie, per visitare il centro storico di Cáceres, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, essendo un complesso urbano dell’Età Media e del Rinascimento fra i più completi al mondo. Mangeremo a Mérida, città di conquistatori e capitale di Roma nella penisola iberica, conosciuta per il suo famoso anfiteatro. Più tardi, lasceremo l’Estremadura per entrare in Andalusia, dove trascorreremo i prossimi giorni. Durante il resto della giornata, entreremo a Rocío, villaggio di Huelva, dove si celebra un’importante pellegrinaggio per la Vergine Maria durante la Settimana Santa in Aprile, chiamata la Romería del Rocío. In questo piccolo villaggio, si accede tramite un sentiero che costeggia il Parco Nazionale di Doñana. Qui visiteremo l’eremo di Rocío, cosi come le sue piccole stradine caratteristiche che ricordano il lontano e antico Ovest americano, con filari di case bianche, pali per legare i cavalli e strade di sabbia. Qui trascorreremo la notte.

Giorno 6 – (2 Gennaio) La nostra privilegiata posizione, ci consentirà di visitare il Parco Nazionale di Doñana alla ricerca della Lince, dove faremo un’escursione privata fra i suoi boschi mediterranei e paludi, arrivando fino alle dune della spiaggia Matalascañas. Continueremo la mattinata fino ad arrivare a Jerez de la Frontera, dove visiteremo un’antica bottega di vino, per poi continuare il nostro cammino fino alle saline di Chiclana. Arriveremo in serata ad Adamuz, dove si trova la nostra riserva di Alpasín, e qui dormiremo.

Giorno 7 – (3 Gennaio) In questa giornata realizzeremo diverse sessioni di fotografia faunistica nei nostri capanni di Alpasín. La mattina cominceremo con il capanno dell’Aquila del Bonelli e dell’Aquila Reale, seguite da un’escursione fino all’ora di pranzo alla ricerca della Lince iberica, in un percorso naturale in 4×4 sulla Sierra Morena. Nel pomeriggio ci sarà la possibilità di divere il gruppo in due sottogruppi, uno che andrà al capanno dell’Aquila Reale e l’altro all’ultima ricerca della Lince, questa volta nel suo capanno.

Giorno 8 – (4 Gennaio) La raccolta di olive per produrre olio si svolge normalmente nei mesi fra Ottobre e Febbraio nell’emisfero nord. In mattinata assisteremo alla raccolta nei campi vicino ad Adamuz, per poi trasferirci al frantoio, dove viene prodotto l’olio delle olive appena raccolte. Riprenderemo le nostre valigie dall’ostello di Alpasín per poi visitare il villaggio di Montoro, di architettura tipica andalusa, e guideremo fino a Toledo. Visiteremo il centro storico di Toledo nel pomeriggio, situato sull’argine destro del Tajo, in una collina evidenziata da un sinuoso meandro. La città è conosciuta per la sede del Regno Visigoto e successivamente conquistata dai musulmani, è attualmente patrimonio dell’Umanità. Pernotteremo a Toledo questa notte.

Giorno 9 – (5 Gennaio) In mattinata ci prepareremo per il ritorno all’aeroporto di Madrid, dove ci saluteremo con la speranza di rivederci molto presto.

Giorno 1 – (28 Dicembre) Navetta da Madrid a La Parrilla (notte a La Parrilla)

Giorno 2 – (29 Dicembre) Visita de La Parrilla e sessione fotografica della fauna nei capanni (notte a La Parrilla)

Giorno 3 – (30 Dicembre) Visita del Monfragüe, attività di degustazione del jamon e pomeriggio e cena a Trujillo (notte a La Parrilla)

Giorno 4 – (31 Dicembre) Escursione a Sierra de Francia, passeggiata ad Alberca, pomeriggio, notte e Capodanno a Salamanca (al ritorno, notte a La Parrilla)

Giorno 5 – (1 Gennaio) Visita a Cáceres e Mérida, pomeriggio a Rocío (notte a Rocío)

Giorno 6 – (2 Gennaio) Visita a Doñana, passeggiata a Jerez (distilleria) e Chiclana (saline) e trasferimento ad Alpasín (notte ad Adamuz)

Giorno 7 – (3 Gennaio) Visita ad Alpasín e sessione fotografica della fauna nei capanni (notte ad Adamuz)

Giorno 8 – (4 Gennaio) Attività di raccolta olive, visita a Montoro e sua fortezza, passeggiata a Toledo (notte a Toledo)

Giorno 9 – (5 Gennaio) Trasferimento da Toledo a Madrid 

Avvoltoio monaco, Grifone, Genetta comune, Faina, Lince, Passeriformi invernali, Aquila Reale e Aquila del Bonelli.

  • Finca La Parrilla (10528 Serrejon, Cáceres, España)
  • Finca Alpasín (Av. de Andalucia, 14, 14430 Adamuz, Cordoba, España)

A tale scopo verranno utilizzati idonei furgoni, auto o fuoristrada, nonché imbarcazioni per qualsiasi escursione marittima.

L’aula sarà dotata di monitor Eizo calibrati colorimetricamente, a cui è possibile collegare il proprio laptop per ottenere una visione perfetta ed equilibrata delle immagini e grandi schermi digitali Philips per la visualizzazione collettiva di immagini e contenuti.

Materiale necessario

  • Fotocamera digitale con batteria e caricabatterie
  • Schede di memoria
  • Teleobiettivo o/e Tele Zoom
  • Treppiedi

Materiale raccomandato

  •  Binocolo
  • Macchina fotografica
  • Flash
  • Lente corta, lunga e grandangolo
  • Vestiti comodi invernali
  • Scarpe/stivaletti da montagna

Informazioni Addizionali

  • Organizzare i vari documenti necessari, a seguito anche della pandemia da Covid.
  • È richiesta un’assicurazione di viaggio.
  • Consigliamo caldamente di prenotare voli che prevedano eventuale rimborso in caso di cancellazioni o cambio itinerario.
PRENOTA IL TUO POSTO!

IAGO CORAZZA

Fotografo e viaggiatore

Ha realizzato relazioni antropologiche in più di 160 paesi in 7 continenti.
Regista, documentarista e produttore di diversi programmi televisivi, ha completato una spedizione senza precedenti di 64.680 km (40.190 miglia) in tutto il mondo.

Ha pubblicato centinaia di rapporti innovativi, grandi monografie e manuali di fotografia con vari editori tra cui White Star, National Geographic, 5 Continents Editions e molti altri.

Visita il sito di Iago Corazza
  • Number of places:

    7 plazas

Leave a comment