Skip links

ITALIA DA SCOPRIRE

Un percorso culturale, architettonico, paesaggistico nel cuore della penisola

Spesso dimentichiamo che il nostro Paese ci può offrire vere meraviglie a poca distanza dai luoghi dove abitiamo. Un rilassante percorso fotografico di sette giorni che ci insegnerà a fotografare e a guardare il nostro paese con occhi diversi!
Un viaggio in libertà per amanti della fotografia, del reportage e dell’architettura.

DURATA: 7 giorni 6 notti
NUMERO PARTECIPANTI: max 11 PAX
PERIODO: maggio, giugno, luglio, agosto, settembre (È possibile iscriversi FINO A 20 gg. dalla data di partenza)
PERNOTTAMENTI: Piccoli hotel, pensioni e alloggi – nessuna prenotazione
TRASPORTI: Skua Nature Van
PASTI: Al sacco e ristorantini
DIFFICOLTA’: Facile, rilassante, supporto di docente e guida esperta del territorio e di fotografia
Head quarter SKUA: info@skuanature.com – +39 0141 918349
I viaggi saranno accompagnati esclusivamente da coordinatori SKUA

VEDI SEMPRE “VIAGGIARE SICURI”: http://www.viaggiaresicuri.it/
VISITE E VACCINI: In base alle normative sanitarie vigenti: https://www.viaggiavventurenelmondo.it/info/covid

Il nostro Paese, è noto, custodisce infinite meraviglie e a volte le nasconde nei luoghi più inaspettati. Oppure a volte non conosciamo abbastanza bene ciò che ci circonda perché siamo abituati a guardare sempre un po’ più lontano. Questo viaggio ci insegnerà a volgere attorno lo sguardo cercando nuove prospettive. Infatti, oltre ad un immenso patrimonio artistico e culturale, l’Italia ospita meravigliose varietà culturali e sociali. Scopriremo, fotograferemo e vedremo con nuovi occhi più di 20 mete veramente speciali, in una sequenza studiata che le unisce in base alle particolari caratteristiche fotografiche.

Il nostro percorso, che si avvarrà di una speciale formula di assoluta libertà priva di prenotazioni per conservare l’elasticità necessaria a sfruttare al meglio i tempi e le luci, unirà questi punti fino a formare le immagini spettacolari che saranno il premio di questo workshop. Raggiungeremo questi luoghi ritrovando il piacere di viaggiare assieme con rilassatezza in una vera “zingarata”, un percorso libero, un programma ricco, divertente ed estremamente interessante che ci porterà a raggiungere queste mete veramente speciali.

Decideremo assieme lungo la strada percorsi, variazioni e tempi. Sceglieremo infatti al momento dove pranzare, dove cenare e dove dormire, concedendo a tutti ampia libertà di scelta. Una vera caccia fotografica che vedrà come terreno di gioco molte il cuore di un’Italia tutta da scoprire.

QUOTA BASE: in fase di definizione

  • organizzazione e logistica
  • 2 pernottamenti
  • assistenza fotografica continuata
  • docente Masterclass 24 h
  • coordinamento on the road
  • mezzi di trasporto, carburante e pedaggi autostradali
  • autista
  • tutte le attività previste nel redazionale
  • 4 pernottamenti
  • eventuali biglietti di ingresso
  • pasti e colazioni
  • vita di gruppo
  • percorsi in libertà
  • reportage fotografico
  • tour culturali
  • docenza e assistenza fotografica costante

L’itinerario può subire variazioni causa le condizioni meteorologiche e stradali dei luoghi che visiteremo.

ITINERARIO IN BREVE

Bologna Sasso Marconi – Parco Monte sole – Casaglia – Strada Porrettana – Riola di Vergato – Pescia – Borgo a Mozzano – Vergemoli – Isola Santa – Groppina – Ponte di Buriano – San Giminiano – Monteriggioni – San Galgano – Sorano – Sovana – Pitigliano – Saturnia – Capalbio – Civita Bagnoregio – Bomarzo – Bagnaia – Viterbo – Calcata – Sasso Marconi


GIORNI 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7: Il ritrovo per la partenza del workshop sarà nel piazzale della stazioncina di Marzabotto, comodamente raggiungibile ogni 30 minuti in treno dalla stazione di Bologna. Qui lasceremo le eventuali vetture, saliremo sul nostro Van Skua e daremo inizio al nostro percorso. Cercheremo utilizzare principalmente strade interne estremamente affascinanti e panoramiche, che daranno un’impronta speciale al nostro itinerario consentendoci di realizzare immagini fuori contesto e di variare il programma quando lo riterremo necessario. Ecco le mete che raggiungeremo grazie a questi percorsi, nei tempi e nei modi che sceglieremo:

  • Parco di Monte Sole, Chiesina di Casaglia – struggente luogo della memoria e testimonianza di uno dei più famosi e crudeli eccidi della Seconda Guerra.
  • Riola di Vergato, Rocchetta Mattei – Una costruzione fiabesca eretta da un uomo che aveva il sogno di curare il mondo.
  • Pescia, Villa Garzoni – Un incantesimo del ‘700, Monumento Nazionale. Popolato da simboli e da statue che spiccano tra il verde oppure vi si nascondono.
  • Borgo a Mozzano, Ponte del Diavolo – Lungo oltre 90 metri e costruito nell’anno 1000 sul fiume Serchio da Matilde di Canossa ci offre una spettacolare “schiena d’asino” e una suggestiva leggenda.
  • Vergemoli, le Fabbriche – Gli insediamenti nella zona risalgono alla storia del periodo medioevale e le magnifiche abitazioni antiche si possono acquistare a 1 euro.
  • Isola Santa – Sorge sulle rive di un piccolo lago, dalle rovine di un hospitale del 1260, ma la sua nascita è certamente più antica, quando svolgeva la funzione di “posto di guardia”.
  • Gropina, Pieve di San Pietro – In questa misteriosa e antica chiesa del XII sec., in epoca etrusca tempio della Dea Diana, si trovano incredibili simbolismi e raffigurazioni arcaiche, come cavalieri templari e mascheroni demoniaci ricoperti di radici.
  • Buriano, Ponte – Un’opera architettonica romanica sorta sulle sponde dell’Arno tra il 1240 e il 1277, immortalata da Leonardo da Vinci nello sfondo della Gioconda.
  • San Giminiano – Il primo documento storico che attesta il nome di questa città fortificata sulla via Francigena è datato 30 agosto 929. Aveva 72 torri, di cui ancora oggi se ne contano tredici.
  • Monteriggioni – La famosa cittadella medievale fortificata cinta da splendide mura conserva ancora oggi gran parte delle strutture del XIII
  • San Galgano, Abbazia – Un’abbaziacistercense, costituita dall’eremo e dalla grande abbazia, ora ridotta alle sole mura. Il giorno di Natale del 1180 Galgano infisse nel terreno la sua spada, allo scopo di trasformare l’arma in una croce.
  • Sorano – La vista dal complesso rupestre situato su una grande terrazza panoramica, con la punta estrema dello sperone tufaceo, il cosiddetto belvedere, mostra una favolosa panoramica sul borgo.
  • Sovana – Un classico borgo medievale con i palazzi Pretorio, dell’Archivio, Bourbon del Monte, la chiesa di Santa Maria, la chiesa di San Mamiliano, il Duomo e le testimonianze Etrusche tra cui la monumentale Tomba Ildebranda del III sec. a.C.
  • Pitigliano – La piccola Gerusalemme, splendido borgo medievale, fa parte delle città del tufo, i tre borghi maremmani di origine etrusca Insieme a SoranoSovana.
  • Saturnia, Terme – Le Terme di Saturniasono costituite da un’unica sorgente termale che fornisce 800 litri al secondo a 37,5 gradi. Ciò consente un ricambio completo ogni 4 ore, per 6 volte al giorno, rendendone le acque incontaminate.
  • Capalbio, Giardino dei Tarocchi – Un parcoartistico ideato dall’artista francostatunitense Niki de Saint Phalle, popolato di statue ispirate alle figure degli arcani maggiori dei tarocchi.
  • Civita Bagnoregio – Detta “la città che muore”, è un antico borgo che sorge nella valle dei calanchi erosa da due fiumi, e che si trova in posizione isolata rispetto al resto degli altri paesi.
  • Bomarzo, Sacro Bosco – Il Parco dei Mostri è ornato da numerose sculture in basaltorisalenti al XVI secolo e ritraenti animali mitologici, divinità e mostri. Le iscrizioni sui monumenti stupiscono e confondono il visitatore.
  • Bagnaia, Villa Lante della Rovere – Uno dei più bei parchi del Rinascimento con lo splendido giardino all’italiana, i giochi d’acqua e le fontane, le palazzine “gemelle” Gambara e Montalto, il grande parco con la ghiacciaia, la casina di caccia e le numerose fontane sparse nel bosco.
  • Calcata – Un borgo spettacolare su di uno sperone di roccia, dove consumare l’ultimo pranzo nel ristorantino locale, prima di rientrare alla fine di questo speciale workshop.

Masterclass
I viaggi contraddistinti dal simbolo Masterclass sono concepiti per coniugare l’esperienza dei docenti con le caratteristiche specifiche dei diversi ambienti ospitanti. L’assoluta originalità delle formule di insegnamento permette agli insegnanti di trasferire facilmente e rapidamente le proprie tecniche e la propria professionalità ai partecipanti e di trasformare viaggi spettacolari in occasioni di apprendimento e crescita. Chi partecipa a questi Masterclass potrà imparare o perfezionare la tecnica fotografica grazie all’ampia offerta di spettacolari location e alle sessioni di visione critica delle immagini tenute nelle aule didattiche. I viaggi didattici Masterclass in Spagna, Lettonia, Romania, Norvegia, nei magnifici spazi italiani all’interno del Parco Naturale della Mandria e in varie altre sedi del mondo sono sempre seguiti da una guida esperta e da un docente che consente ai partecipanti di approfondire le competenze fotografiche sfruttando e apprezzando contemporaneamente le risorse e le caratteristiche di questi meravigliosi Paesi.

  • Computer portatile con alimentatore per la visione delle immagini scattate durante il workshop.
  • Lettore USB di schede di memoria, compatibile con lo standard delle schede utilizzate dalla propria macchina fotografica.
  • Ottiche varie, per fotografare panorami, persone, interni e ambiente.
  • Filtro Polarizzatore
  • Filtro ND
  • Treppiede + scatto flessibile e/o telecomando
  • Multipresa elettrica per ricaricare più accessori contemporaneamente

 

  • Verificare documenti richiesti in base alla situazione sanitaria del momento in Italia e nel paese ospitante.
  • In caso di prenotazione autonoma dei voli, data la situazione sanitaria si consiglia di scegliere biglietti che comprendano il rimborso in caso di cancellazione o cambio di itinerario.